ZAUBERKRAFT ZANZOTTO

ZAUBERKRAFT, L’OVALE PERFETTO SECONDO ANDREA ZANZOTTO ♦ Opera poetica per Banda Musicale e Attore

DEBUTTO
21 ottobre 2022
TEATRO CARENI
Pieve di Soligo (TV)

SANDRO BUZZATTI ideazione e interpretazione
MARTA DALLA VIA regia e drammaturgia
BANDA MUSICALE diretta da Luigi Vitale
ANTONIO PANZUTO scene
SONIA MARIANNI costumi
ELVIRA FANTIN E NERELLA BARAZZUOL consulenza letteraria
GIAMPAOLO FIORETTI e CRISTINA PALUMBO organizzazione e cura
CIKALE OPEROSE – ECHIDNA PAESAGGIO CULTURALE produzione

Con il contributo del Comune di Pieve di Soligo (TV)

Biglietto 5 euro
Ingresso Gratuito per ragazzi fino a 14 anni

Prenotazioni Eventbrite Pievecultura
Biglietteria al Teatro Careni dalle ore 18,45

Informazioni
tel 3711926476
info@echidnacultura.it www.echidnacultura.it, 
www.cikaleoperose.it
www.comune.pievedisoligo.tv.it

 

Alla ricerca delle figure femminili nell’opera di Andra Zanzotto. Uno spettacolo in bilico tra narrazione, musica e poesia.

    Molti anni orsono, affiancando alla mia formazione teatrale, compiuta all’insegna della ‘commedia’ con Dario Fo prima e della ‘maschera’ più tardi con Carlo Boso, la frequentazione assidua di maestri come Romano Pascutto, Franco Loi e infine il nostro Andrea Zanzotto, mi convinsi che era giunto il momento di riportare il genio poetico, l’anima e il corpo della parola, nel bel mezzo dell’agorà: la piazza, il mercato, la contrada, i luoghi dell’invenzione del linguaggio, della sua mutazione, come doveva essere stato nel tempo delle sibille, del passa-parola diremmo oggi.

Sandro Buzzatti

    Immaginate di scendere nella piazza del paese e trovarci un enfant prodige che legge, che scrive, che gioca con i caratteri mobili della vicina tipografia e ammalia la gente. All’inizio soprattutto zie, nonne, persino la maestra! Poi sconosciuti, un pubblico più ampio, più alto, più lontano.

Immaginate di scendere nella piazza del paese e scoprire che il fruttivendolo, la sarta, l’oste mentre lavorano citano a memoria poesie scritte da quello che bambino non è più ma il cui prodigio è rimasto.

Le parole possono essere formule magiche che accendono luoghi e persone. Zauberkraft è il nostro abracadabra. Un incantesimo che è fatto di corpi e suoni concreti che vivono dentro una fantasia contemporaneamente aulica e contadina.

Immaginate un luogo siderale immerso nel silenzio e nella foschìa. Un pezzo di luna cade dal cielo, tutto diventa rosso e ci sentiamo, all’improvviso, nel mezzo di una scena del crimine. Un delitto è stato commesso. Qualcuno ha preso a coltellate l’ovale perfetto? La luna? La poesia? Questo tempo?

Siamo rimasti tutti feriti ma proviamo a curarci con un po’ di polvere di cicale e Zanzotto.

Marta Dalla Via

LA STORIA DI BARBA ZHUCÒN (lo zio tonto)

Portare la poesia in mezzo alla gente e far sostare la gente in mezzo alla poesia è la spinta fondante di questo progetto.

Per permettere a tutti di entrare in questo Eden della lingua Matria, useremo una chiave speciale. La chiave di una tradizione orale molto diffusa in tutto il territorio veneto e declinata in tanti idiomi e idioletti: la fiaba del Barba Zhucòn. Una favola che mette in luce una relazione di genere che prevedrebbe un maschio orco, una madre e una figlia come potenziali vittime di una sopraffazione ma che, invece, si rovescia facendo emergere un duo femminile pregno di coraggio e astuzia. Sono donne che oltrepassano i confini predefiniti dalle convenzioni sociali arrivando a ridicolizzare la fonte delle loro paure; il tutto tra frittelle, cuscini, spini e un vortice di ritmo lessicale indimenticabile.

Come mai Zanzotto ha scomodato la sua penna per riscrivere a suo modo una storia così largamente conosciuta?

Abbiamo voluto rispondere aggiungendo materia poetica per conoscere (e ri-conoscere) le altre donne che popolano l’universo di questo artista. La Nene della Cal Santa: indipendente creativa e libera, colei che, nella sua cucina sa mettere insieme le piccole cose domestiche con l’eterno. La Maria Carpéla, emblema della bontà, che andava a cucire per le case alla quale spetta con certezza il paradiso.  La Marieta Tamóda che non smetteva d pensare ai racconti del “primo dei Dumas” tanto che “non c’è letterato, avvocato, né profeta che abbia letto scartafacci più di lei”. E ancora la Pina, la vedova Bres, la Urora, la Neta, la Teresa… un esercito di umanissime muse andranno a nutrire uno stomaco collettivo. Uno stomaco che è digiuno di bellezza, di ispirazione forse da quando l’irraggiungibile luna, musa secolare della poesia, è stata toccata, violata, da quell’astronave, ironicamente chiamata Apollo.

LA BANDA DI PAESE, IL PAESE DELLA BANDA

Ora che la porta è aperta bisogna entrare e sentirsi a casa. Per fare questo passeremo dalle Muse alla loro arte: la Musica. Una banda musicale, espressione ancora una volta di un sentire popolare legato all’agorà, sarà parte integrante di questa drammaturgia. Come un coro greco, ascolta l’attore e respira insieme a lui in un dialogo che riesce a farci sentire adulti coraggiosi che anelano alle più alte vette della poesia ma anche bambini che parlano in petèl, che hanno paura e cercano la mano di un genitore che, come in ogni fiaba, li guidi fuori dal fitto bosco.

 
  • Categoria dell'articolo:News